In questo blog post, scoprirete tutto ciò che c’è da sapere sull’agnocasto, una pianta medicinale. Spieghiamo cos'è l’agnocasto, quali effetti può avere sul ciclo femminile o sull’equilibrio ormonale e molte altre interessanti informazioni sulla pianta miracolosa Vitex Agnus Castus. Inoltre, sapevate che ci sono molti altri nomi per definire l’agnocasto?

COS'È L’AGNOCASTO?

L’agnocasto è una pianta medicinale che appartiene alla famiglia delle labiate. Tuttavia, è conosciuto anche con molti altri nomi come agnello casto, albero casto, Vitex agnus-castus o semplicemente Vitex. Già nell'antichità, i frutti dell'arbusto che crescevano fino a sei metri di altezza erano apprezzati per scopi medicinali. Si dice che l’agnocasto regoli l'equilibrio ormonale femminile.

QUALI SONO LE PROPRIETÀ DELL’AGNOCASTO E COSA FA?

L’agnocasto è conosciuto per regolare gli ormoni femminili e alleviare la sofferenza causata dai sintomi della PMS (sindrome premestruale). È anche riconosciuto a livello medico per trattare i cicli irregolari. Così, questa pianta medicinale può aiutare le donne che soffrono di mestruazioni troppo frequenti o troppo poco frequenti. Ma l’agnocasto è anche consigliato per disturbi che di solito si presentano qualche giorno prima delle mestruazioni, come il dolore al seno o i crampi mestruali. L’agnocasto viene spesso anche usato per i tipici disturbi della menopausa. Per esempio, può ridurre le vampate di calore, il nervosismo o i problemi di concentrazione. Inoltre, l’agnocasto può essere usato come antinfiammatorio, perché gli oli essenziali che contiene hanno sia un effetto antibatterico che antinfiammatorio.

Le nostre Femtastic PMS Vitamins contengono 15 mg di estratto di agnocasto per orsetto. Questo significa che sono particolarmente adatte a sostenere il ciclo della donna e hanno inoltre un sapore delizioso di fragola.

COME L’AGNOCASTO SUPPORTA IL CICLO FEMMINILE?

Studi hanno dimostrato che il casto ha un'influenza sull'equilibrio ormonale femminile. Più in dettaglio, questo è legato ai livelli di prolattina. La prolattina è anche conosciuta come l'ormone del latte e assicura la produzione di latte materno dopo il parto. L’agnocasto agisce come agonista selettivo sul recettore dopaminergico D2, che a sua volta inibisce il rilascio dell'ormone prolattina.

L’AGNOCASTO HA UN EFFETTO SULLA FERTILITÀ?

È noto che livelli troppo alti di prolattina portano all'infertilità. Al contrario, bassi livelli di prolattina assicurano un'ovulazione regolare. Poiché il casto, come già detto, può inibire il rilascio di prolattina e anche regolare il ciclo mestruale, di conseguenza ha effetti positivi sulla fertilità delle donne e può persino aiutare il desiderio di avere figli. Tuttavia, bisogna aggiungere qui che la pianta medicinale non è ancora riconosciuta dal punto di vista medico in questo campo.

NASSIM JAMALZADEH:

"L'assunzione di agnocasto può regolare l'equilibrio ormonale femminile e quindi rendere più piacevole il periodo prima e durante le mestruazioni. Tuttavia, si dovrebbe prestare attenzione al dosaggio e forse parlare con il medico prima di prenderlo".

TUTTE LE DOMANDE SULL’AGNOCASTO

QUANDO DOVREI PRENDERE L’AGNOCASTO E QUANDO NON DOVREI PRENDERLO?

Come già detto, l’agnocasto può aiutare a regolare il ciclo, ma non funziona per tutte le donne. Questo perché un ciclo irregolare può avere molte cause, come un livello di prolattina troppo alto o una debolezza del corpo luteo. Anche altre malattie possono esserne la causa. Ecco perché è molto importante parlare con il proprio medico prima di iniziare a prenderlo. Inoltre, l'uso dell’agnocasto durante la gravidanza non è stato ancora adeguatamente studiato. Pertanto, si consiglia di parlare con il medico anche in questo caso.

PER QUANTO TEMPO DEVO PRENDERE L’AGNOCASTO PER BENEFICIARE DEI SUOI EFFETTI?

Si raccomanda un'assunzione regolare di 2-3 mesi. Questo permette all'equilibrio ormonale di armonizzarsi e all’agnocasto di sviluppare il suo effetto in modo ottimale. Bisogna anche sottolineare che l’agnocasto non è una cura miracolosa perché, come per tutte le altre cose, l'alimentazione svolge un ruolo importante. L’agnocasto può essere particolarmente utile per squilibri ormonali lievi o moderati. Lo stesso vale per l'assunzione di agnocasto per incrementare il desiderio di avere figli; anche in questo caso, ci vuole del tempo prima che si vedano gli effetti positivi.

POSSO PRENDERE L’AGNOCASTO ANCHE DURANTE LA GRAVIDANZA?

L'uso dell’agnocasto durante la gravidanza non è stato ancora adeguatamente studiato. Non ci sono indicazioni che possa avere conseguenze negative. Tuttavia, è meglio parlarne con il proprio medico.

L'ASSUNZIONE DI AGNOCASTO HA EFFETTI COLLATERALI?

L’agnocasto può causare effetti collaterali come disturbi gastrointestinali, mal di testa o simili. Tuttavia, questi effetti sono rari. Inoltre, possono verificarsi reazioni allergiche come difficoltà di deglutizione, gonfiore o mancanza di respiro.

SI PUÒ PRENDERE TROPPO AGNOCASTO?

Poiché il casto è un fitogeno, cioè un rimedio erboristico, si dice che sia ben tollerato. Tuttavia, si dovrebbe guardare il dosaggio e seguire l'assunzione raccomandata o chiedere al medico il dosaggio adatto. In caso di sovradosaggio, possono verificarsi gli effetti collaterali sopra menzionati.

QUALI SONO I VANTAGGI E GLI SVANTAGGI DI ASSUMERE L’AGNOCASTO?

L’assunzione dell’agnocasto può avere molti vantaggi. Ecco un breve riassunto di tutti i vantaggi e gli svantaggi:

Vantaggi:

- Può regolare uno squilibrio ormonale

- Può regolare cicli femminili irregolari

- Sollievo dai sintomi della sindrome premestruale come crampi mestruali

- Sollievo dai sintomi associati alla menopausa

- Sostegno a coloro che desiderano avere figli

Svantaggi:

- Non adeguatamente studiato per quanto riguarda l'uso durante la gravidanza

- Raramente possono verificarsi effetti collaterali, come disturbi gastrointestinali, mal di testa o acne

- Gli effetti di solito appaiono solo dopo 2-3 mesi

OLTRE 500.000 CLIENTI SODDISFATTI

I nostri orsetti con agnocasto

SEGUICI SU INSTAGRAM