Tutto quello che c'è da sapere sulle cure con l'Ashwagandha (Withania Somnifera)

L'ashwagandha è una delle erbe medicinali più importanti della medicina ayurvedica. Questa pianta, nota anche come ginseng indiano, è apprezzata per le sue numerose proprietà benefiche ed è utilizzata come adattogeno. L'uso dell'ashwagandha risale alle arti curative indiane, dove viene utilizzata come sedativo e ansiolitico. Questa pianta medicinale cresce principalmente in terreni aridi o ghiaiosi nella regione dell'Asia meridionale, soprattutto in India, Pakistan e Afghanistan.

Cos'è l'Ashwagandha e a cosa serve questa pianta, che favorisce il corpo e la mente?

COS'È L'ASHWAGANDHA (WITHANIA SOMNIFERA)?

L'ashwagandha (Withania somnifera) è una pianta medicinale della famiglia della belladonna. I molteplici benefici dell'ashwagandha la rendono un'erba popolare nella tradizione ayurvedica e nella naturopatia. Nelle antiche scritture indiane si dice anche che sia una pianta miracolosa.

Ma a cosa serve l'Ashwagandha?

I principi attivi della radice di Ashwagandha hanno un effetto rilassante e aiutano a ridurre lo stress. Inoltre, si dice che abbia un effetto positivo sul sonno, motivo per cui è nota anche come bacca del sonno o ciliegia invernale. Anche se l'ashwagandha viene spesso chiamata ginseng indiano, non deve essere confusa con la pianta medicinale Panax ginseng. Entrambe sono adattogene, ma sono comunque piante medicinali diverse.

CHE EFFETTI HANNO GLI ORSETTI GOMMOSI CON LA RADICE CURATIVA?

L'assunzione della bacca del sonno come integratore alimentare ha molte proprietà benefiche, qualsiasi sia la sua forma: che sia una compressa, una capsula, una polvere o anche un delizioso orsetto gommoso, come le nostre Keepin' It Calm Vitamins con KSM-66® Premium Ashwagandha.

Sono stati dimostrati i seguenti effetti positivi della pianta medicinale:

- Allevia lo stress e l'ansia 

- Migliora la qualità del sonno

- Può ridurre l'infiammazione

- Supporta la salute del cuore

- Supporta le funzioni cerebrali

- Migliora la concentrazione

- Influenza la fertilità e i livelli di testosterone

- Abbassa lo zucchero nel sangue

- Rafforza i muscoli.

Effetti dell'Ashwagandha per le donne

CHE EFFETTO HA L'ASHWAGANDHA SUGLI ORMONI O SULLA MENOPAUSA NELLE DONNE?

Secondo alcuni studi, la pianta adattogena ashwagandha promette un effetto riequilibrante dell'assetto ormonale nelle donne. Ha un effetto sugli ormoni sessuali femminili LH (ormone luteinizzante) e FSH (ormone follicolo-stimolante). Grazie a questo influsso, l'ashwagandha può avere un effetto positivo sulla fertilità delle donne. Ma anche le donne in menopausa possono trarre beneficio dalla sua assunzione, in quanto i sintomi della menopausa vengono alleviati grazie al riequilibrio ormonale. Inoltre, anche l'effetto antistress ha un effetto positivo sulla menopausa.

POSSO ASSUMERE LA RADICE CURATIVA DURANTE LA GRAVIDANZA?

Gli esperti consigliano cautela nell'assumere l’Ashwagandha durante la gravidanza o l'allattamento. Questo perché gli effetti sul bambino non sono ancora stati sufficientemente studiati. Pertanto, è meglio consultare il proprio medico prima di assumerla. Entriamo più in dettaglio su questo argomento in un altro articolo clicca qui.

L'ASHWAGANDHA STIMOLA LA CRESCITA DEI CAPELLI?

Si dice che l'Ashwagandha abbia anche un effetto specifico sui capelli. Problemi come la perdita o il diradamento dei capelli sono spesso causati dallo stress. Ed è proprio qui che entra in gioco l'ashwagandha. Si dice che questa pianta medicinale abbia un effetto positivo sui capelli e, come già detto, riduca lo stress e allevi l'ansia. Secondo alcuni studi, la ciliegia invernale può inibire il rilascio dell'ormone dello stress, il cortisolo, che a sua volta è legato ai problemi dei capelli. Inoltre, rafforza le radici dei capelli e la capigliatura nel suo complesso.

QUALE METODO DI ASSUNZIONE È IL MIGLIORE?

L'estratto di Ashwagandha viene spesso offerto come forma altamente concentrata della pianta medicinale e può sviluppare un effetto più rapido. Tuttavia, è importante rispettare il dosaggio corretto, poiché una concentrazione troppo elevata può anche portare a effetti collaterali. Le compresse e le capsule di ashwagandha, invece, sono facili da assumere e non richiedono un dosaggio noioso. Sono comode da portare con sé e offrono un modo pratico per integrare l'ashwagandha nella routine quotidiana. Tuttavia, l'effetto è di solito un po' più lento, poiché le compresse o le capsule devono prima essere sciolte nello stomaco. Ma ci sono anche i nostri Keepin’ It Calm Vitamins con Ashwagandha che non solo sono facili da assumere, ma possono anche funzionare più rapidamente rispetto alle capsule o alle pillole, grazie alla digestione che come si sa inizia in bocca.
Una domanda comune è anche se l'ashwagandha sia meglio in polvere o in capsule. In questo caso dipende dalle preferenze personali. La polvere di ashwagandha può essere dosata in modo più flessibile e può offrire una più ampia varietà di usi, in quanto può essere mescolata a bevande, frullati o piatti. Le capsule di ashwagandha, invece, consentono un dosaggio più preciso e hanno un sapore neutro.
Per molti, tuttavia, è una novità che l'ashwagandha sia disponibile anche sotto forma di orsetti gommosi. Proprio come le pillole o le compresse, sono facili da dosare o da portare con sé e hanno un sapore di lampone e mirtillo. In definitiva, è necessario scegliere il miglior prodotto a base di ashwagandha per se stessi, in base alle esigenze e alle preferenze individuali. Si consiglia di scegliere prodotti di alta qualità di produttori affidabili e di chiedere sempre il parere di un esperto, ad esempio di un medico o di un professionista alternativo, in caso di dubbi.

L'Ashwagandha ha effetti positivi sulla psiche?

Gli studi dimostrano che l'ashwagandha ha effetti positivi sulla psiche. Questa pianta medicinale è spesso apprezzata per i suoi effetti positivi sul benessere mentale grazie alle sue proprietà adattogene. L'ashwagandha può contribuire a ridurre lo stress e a favorire il rilassamento, con effetti positivi sull'umore e sull'equilibrio mentale generale. I principi attivi dell'ashwagandha hanno proprietà calmanti e ansiolitiche che possono contribuire ad alleviare i sintomi di ansia e stress. Inoltre, l'ashwagandha è anche associata a una migliore qualità del sonno, che a sua volta può avere un impatto positivo sulla salute mentale. Tuttavia, è importante notare che l'effetto individuale dell'ashwagandha sulla psiche può variare ed è consigliabile consultare uno specialista se si hanno gravi problemi di salute mentale. Nel complesso, tuttavia, la ricerca suggerisce che l'ashwagandha può essere un promettente supporto erboristico per la salute mentale.

Qual è il dosaggio consigliato per l'assunzione di ashwagandha?

Il dosaggio consigliato per l'assunzione di ashwagandha può variare a seconda della forma del preparato. Quando si utilizza l'ashwagandha in polvere, è importante prestare molta attenzione al dosaggio per ottenere un effetto adeguato. In genere, il dosaggio consigliato per l'ashwagandha in polvere è di circa 1 o 2 cucchiaini al giorno. Può essere mescolata a bevande, frullati o piatti.

Non esiste un dosaggio specifico per l'uso dell'ashwagandha a sostegno del sonno. Alcune persone riferiscono un miglioramento del sonno assumendo l'ashwagandha prima di coricarsi. In questo caso, può essere sufficiente un dosaggio inferiore di circa 300-500 mg prima di coricarsi.

Per i nostri orsetti vitaminici Keepin it Calm sono sufficienti 2 orsetti al giorno. E la cosa migliore è che potete mangiarli quando volete. Magari come dolce spuntino dopo la pausa pranzo? 😉

Tuttavia, è importante seguire le raccomandazioni di dosaggio del produttore e consultare un medico o un professionista alternativo in caso di dubbi, soprattutto se ci sono problemi di salute specifici o se si stanno assumendo altri farmaci. Il dosaggio ottimale può variare da persona a persona ed è consigliabile iniziare con un dosaggio più basso e osservare l'effetto prima di aggiustare il dosaggio, se necessario. Un dosaggio corretto può favorire gli effetti positivi dell'ashwagandha, riducendo al minimo i possibili effetti collaterali.

Ashwagandha e potenziamento muscolare: benefici ed effetti nel settore del fitness

L'Ashwagandha ha guadagnato popolarità nel settore del fitness in termini di costruzione muscolare e prestazioni fisiche. L' integrazione con Ashwagandha può essere un vantaggio per sportivi e bodybuilder. Le proprietà adattogene di questa pianta medicinale possono aiutare a ridurre lo stress e la fatica, consentendo agli atleti di recuperare meglio e di essere più efficaci nelle loro sessioni di allenamento.
Alcuni studi suggeriscono che l'ashwagandha può aumentare la forza e la massa muscolare sostenendo i livelli di testosterone. Il testosterone è un ormone importante per la crescita muscolare e una maggiore produzione di testosterone può portare a migliori risultati nell'allenamento.
Inoltre, l'ashwagandha può migliorare la resistenza e le prestazioni aerobiche, aiutando gli atleti ad allenarsi più a lungo e con maggiore intensità. Una migliore resistenza può aiutare a raggiungere più rapidamente gli obiettivi di allenamento.
È importante notare che le esperienze con l'ashwagandha nel bodybuilding possono variare da individuo a individuo. Alcuni atleti riportano risultati positivi, mentre altri possono notare effetti meno rilevanti.
Se gli atleti sono interessati a integrare l'ashwagandha, devono scegliere preparati di ashwagandha di alta qualità di produttori affidabili e seguire il dosaggio consigliato. È inoltre consigliabile consultare un medico specialista prima di iniziare ad assumere l'integratore, per valutare eventuali interazioni o esigenze individuali. In sintesi, l'ashwagandha come integratore per il fitness può essere un'opzione promettente per sostenere le prestazioni atletiche e promuovere gli obiettivi di crescita muscolare.

Nassim Jamalzadeh, esperta di nutrizione

NASSIM JAMALZADEH:

"L'Ashwagandha è chiamata pianta medicinale per una ragione. Ha un effetto calmante e può quindi ridurre lo stress e favorire il sonno. Può avere un'influenza positiva sul sistema nervoso. Se non conosci ancora l'Ashwagandha, ti consigliamo di provarla".

TUTTE LE DOMANDE SULL' ASHWAGANDHA

Quando e per quanto tempo devo assumere l'Ashwagandha?

L'Ashwagandha è particolarmente indicata per chi soffre di stress, ansia o disturbi del sonno. Inoltre, chiunque desideri un maggiore equilibrio può assumere questa pianta medicinale! Va notato che, sebbene l'erba sia generalmente considerata ben tollerata, non è consigliata a chi soffre di malattie autoimmuni.
La pianta della belladonna può aumentare i livelli di infiammazione nell'organismo e quindi aggravare malattie come i reumatismi o il lupus. Può anche interagire con altri farmaci, quindi è bene consultare il medico prima di assumerla.
In generale, l'ashwagandha può essere assunta per un lungo periodo di tempo. Tuttavia, il dosaggio consigliato varia a seconda dell'area di applicazione.
Molti esperti raccomandano una pausa di una settimana dopo circa 4-6 settimane di utilizzo. E dopo un periodo di un anno di sospendere l'assunzione per un periodo più lungo. Per essere sicuri di utilizzare l'erba in modo efficace, è necessario verificare con il proprio medico quale sia la soluzione migliore per voi.

Quando comincia a fare effetto l'Ashwagandha?

Per notare i primi effetti positivi dell'Ashwagandha, si dovrebbe assumere la pianta medicinale per almeno 4 settimane. L'Ashwagandha è conosciuta come una pianta miracolosa, ma non può fare miracoli. Non ci si può aspettare enormi benefici dopo un breve periodo di tempo. Ogni cosa ha il suo tempo!

A cosa devo prestare attenzione se la assumo?

Gli esperti consigliano di assumere la ciliegia invernale, a stomaco vuoto e circa 1-2 ore prima di un pasto. Ma in linea di principio, non si raccomanda di prenderla in un momento specifico. Che tu preferisca prenderla al mattino, a mezzogiorno o prima di andare a letto, dipende da te.

Dove cresce l'ashwagandha?

L'ashwagandha (Withania somnifera) cresce principalmente su terreni secchi o ghiaiosi nella regione dell'Asia meridionale. Questa pianta medicinale è originaria di paesi come India, Pakistan, Afghanistan e Sri Lanka. In queste regioni si è ben adattata a causa del clima secco e arido e prospera meglio in terreni caldi, soleggiati e ben drenati. L'ashwagandha è una pianta robusta che può sopravvivere in condizioni ambientali avverse e si trova spesso vicino alle rive dei fiumi e sulle colline. Grazie alla sua diffusione in Asia meridionale, è diventata un'importante pianta medicinale nell'Ayurveda e in altri sistemi di medicina tradizionale della regione.

Quali sono gli effetti collaterali dell'Ashwagandha?

In generale, l'Ashwagandha è considerata molto tollerabile, soprattutto se non si supera la quantità giornaliera raccomandata di 8 mg per chilogrammo di peso corporeo. Tuttavia, sono possibili effetti collaterali come nausea, vomito o diarrea. Può anche succedere che la radice medicinale induca sonnolenza.

Quali sono le sostanze nutritive contenute nell'Ashwagandha?

A differenza della maggior parte delle piante medicinali, la ciliegia invernale ha relativamente poche sostanze nutritive, ma queste hanno molto da offrire. Quindi la qualità è superiore alla quantità! Le interazioni tra gli ingredienti sono il motivo per cui l'ashwagandha è così unica ed efficace. La maggior parte della radice curativa è costituita da alcaloidi, sostanze alcaline presenti nelle piante alimentari. (Le sostanze alcaline sono tipi speciali di sostanze che a volte vengono chiamate basi. Hanno la proprietà di neutralizzare le sostanze acide).

OLTRE 500.000 CLIENTI SODDISFATTE

I nostri orsetti con KSM-66® Ashwagandha

SEGUICI SU INSTAGRAM